Tag Archivi: gianni vittorio

Black Tail – You Can Dream It In Reverse (Mia Cameretta Records/Lady Sometimes, 2020) di Gianni Vittorio

La band laziale firma il suo terzo album, proseguendo il percorso sonoro iniziato negli anni passati con Springtime e One Day We Drove Out Of Town. Il disco esce con le etichette indipendenti Mia Cameretta/Lady Sometimes, e si avvale del supporto ...

Leggi Articolo »

Brian Fallon – Local Honey (Lesser Known Records/Thirty Tigers, 2020) di Gianni Vittorio

Uscito in piena pandemia mondiale, questo disco di Brian Fallon, cantante dei Gaslight Anthem, può rappresentare un’ottima cura (per la mente) per tutti coloro che sono costretti a restare a casa causa Covid 19. Prodotto da Peter Katis (Interpol, The ...

Leggi Articolo »

The Postacards – The Good Soldier (T3, 2020) di Gianni Vittorio

Un trio di stanza a Berlino, di origini libanesi, producono per l’etichetta tedesca T3 il loro secondo lavoro discografico. Folgorante la iniziale Dead end, brano shoegaze dall’andamento epico, con una chitarra space (sembra quasi riprodurre la sirena di una nave), ...

Leggi Articolo »

Wire – Mind Hive (Pink Flag, 2020) di Gianni Vittorio

Un altro ennesimo tassello si aggiunge per i Wire, band dalle molte sfaccettature. Il nuovo album – Mind Hive – si colloca a metà strada tra Noctural Koreans (2016) e il più recente Silver/Lead (2017). Anche il mood non è ...

Leggi Articolo »

The Men – Mercy (Sacred Bones, 2020) di Gianni Vittorio

Lasciato alle spalle il passato noise/punk, la band newyorkese pubblica nuovamente un disco diverso dai precedenti, perché la loro indole è indie, quindi di difficile collocazione. Ed anche se il lavoro si presta ad abbracciare diverse direzioni, riconoscibile è il ...

Leggi Articolo »

Snow Ghosts – A Quiet Ritual (Houndstooth, 2019) di Gianni Vittorio

A Quiet Ritual degli Snow Ghosts è il disco (il terzo) della raggiunta maturità per la band inglese. Il lavoro, durato circa due anni, è un vero e proprio percorso che attraversa sonorità gotiche dark. Si parte da una base ...

Leggi Articolo »

Algiers – There’s No Year (Matador, 2020) di Gianni Vittorio

Sottovalutare questa band di Atlanta è un errore imperdonabile. Sì, perché gli Algiers  hanno i mezzi per stupire anche chi non è avvezzo al loro genere musicale. Il loro terzo disco, prodotto da Randall Dunn e Ben Greenberg, dimostra di ...

Leggi Articolo »

June 1974 – Mindtrip (Visionaire Records, 2019) di Gianni Vittorio

Nuovo progetto per June 1974, che pubblica un nuovo lavoro – Mindtrip, davvero un viaggio sonoro attraverso diversi stili e generi musicali. Infatti tra le pieghe sonore dell’album si sente una certa influenza e somiglianza con gruppi prog/elettronica anni ’80, ...

Leggi Articolo »

La Batteria – Notes In The Dark (Flipper, 2020) di Gianni Vittorio

Lasciato alle spalle lo stupendo lavoro cinematico e progressive di La Batteria II, il quartetto romano si lancia in una nuova sfida, stavolta legata alle colonne sonore, che rappresentano anche la loro prima esperienza discografica (vedi Amore Tossico).  Il disco ...

Leggi Articolo »

The Winstons – Smith (Tarmac, 2019) di Gianni Vittorio

Uscito a maggio 2019 Smith, il disco della superband italiana Winstons si colloca dentro quel calderone musicale chiamato indie rock. Dopo una breve introduzione elettronica l’album si apre con Ghost Town, brano ricco di suoni, con una spiccata attitudine psichedelica; ...

Leggi Articolo »