Iron & Wine – Weed Garden (Sub Pop, 2018) di Giuseppe Grieco

Per Sam Bean¬†e il suo moniker Iron & Wine si tratta di un periodo fervido, musicalmente parlando. Il cantautore statunitense, reduce dagli elogi del suo ultimo e acclamato Beast Epic, rilascia un EP che ne prolunga la durata vitale. Weed Garden √® un insieme di brani che, a causa del tempo tiranno, non sono riusciti ad essere ultimati per la pubblicazione dell‚Äôultimo full-lenght. Rifinite e completate, queste canzoni ora vivono in questo extend play a tinte autunnali, ulteriore tassello di questo mondo folkloristico. Di breve durata (siamo sui venti minuti), le canzoni si presentano morbide e delicate, delineando una…

Score

ARTWORK
POTENZIALITA'
CONCEPT

Voto Utenti : Puoi essere il primo !
Per Sam Bean e il suo moniker Iron & Wine si tratta di un periodo fervido, musicalmente parlando. Il cantautore statunitense, reduce dagli elogi del suo ultimo e acclamato Beast Epic, rilascia un EP che ne prolunga la durata vitale.
Weed Garden è un insieme di brani che, a causa del tempo tiranno, non sono riusciti ad essere ultimati per la pubblicazione dell’ultimo full-lenght. Rifinite e completate, queste canzoni ora vivono in questo extend play a tinte autunnali, ulteriore tassello di questo mondo folkloristico.
Di breve durata (siamo sui venti minuti), le canzoni si presentano morbide e delicate, delineando una figura cantautorale in costante crescita. Non abbiamo per√≤ alcun tipo di novit√†, gli azzardi stilistici sono messi da parte per l‚Äôadottamento di una formula pi√Ļ che tradizionalista.
Weed Garden acquista valore se accostato al fratello maggiore Beast Epic, se questa operazione non viene praticata abbiamo una raccolta semplice, brani che tengono compagnia ma che spariscono subito dopo l’ascolto.

Tracklist:

  1. What Hurts Worse
  2. Waves Of Galveston
  3. Last Of Your Rock ‘n’ Roll Heroes
  4. Milkweed
  5. Autumn Town Leaves
  6. Talking To Fog


Commenti

Giuseppe Grieco

Click here to connect!