Animatronic ‚Äď Rec (La Tempesta Dischi, 2019) di Paolo Guidone

Le sorprese non finiscono mai, si dice; e pare sia proprio vero. Chi avrebbe mai pensato infatti che Luca Ferrari, batterista dei Verdena, dopo i successi e la popolarit√† raggiunta col suo celebre gruppo, ritornasse sulla scena pi√Ļ underground ¬†per stupirci con un altro progetto musicale dal nome Animatronic, cio√® anima elettrica? E invece eccolo,¬†il loro album d‚Äôesordio √® REC, 15 brani rigorosamente strumentali che fondono assiemerock, metal, progressive, funk, un album che pare pensato per restituire un po‚Äô di ‚Äúlibert√† creativa‚ÄĚ dopo le pressioni commerciali del progetto Verdena. Il trio √® composto, oltre che da Ferrari, anche da…

Score

Concept
Artwork
Potenzialità

Voto Utenti : 3.8 ( 1 voti)
Le sorprese non finiscono mai, si dice; e pare sia proprio vero.

Chi avrebbe mai pensato infatti che Luca Ferrari, batterista dei Verdena, dopo i successi e la popolarit√† raggiunta col suo celebre gruppo, ritornasse sulla scena pi√Ļ underground ¬†per stupirci con un altro progetto musicale dal nome Animatronic, cio√® anima elettrica? E invece eccolo,¬†il loro album d‚Äôesordio √® REC, 15 brani rigorosamente strumentali che fondono assiemerock, metal, progressive, funk, un album che pare pensato per restituire un po‚Äô di ‚Äúlibert√† creativa‚ÄĚ dopo le pressioni commerciali del progetto Verdena.

Il trio √® composto, oltre che da Ferrari, anche da Nico Atzori al basso e dal bravo chitarrista Luca ‚ÄúWorm‚ÄĚ Terzi, e nasce quale ineluttabile esito di una risalente amicizia personale e profonda stima reciproca, nonch√© comune interesse di rimettersi in gioco e tornare ad esplorare la musica, non solo suonarla e venderla.

Da un punto di vista tecnico potremmo dire che il vero protagonista dei 50 minuti del disco √® la chitarra di Worm, che mostra tutto il proprio talento attraverso arpeggi, power-chords, assoli, legati, hammering, etc. un disco decisamente math-rock, come direbbero gli amanti della classificazione: un genere cio√® non suonato col tipico schema rock delle battute in 4/4, ma con battute asimmetriche, generalmente in 7/8, che offrono un ritmo pi√Ļ incalzante ed aperto a sperimentazioni sonore tipo le dissonanze, spesso usate nel disco.

La batteria di Atzori √® une vero rullo compressore, con interessanti stop & go e contro tempi, in particolare sul brano Fl1pper# sublimato poi dalle scale ascendenti e discendenti suonate con impressionante pulizia e velocit√† da Ferrari. Il brano 6sbarre S.A.S. richiama invece musicalit√† pi√Ļ tipiche del post-rock, sia nella struttura musicale che nella distorsione degli strumenti; In cubo, invece, √® un brano pieno di atmosfera acid jazz – nu metal che ricorda da vicino i grandi Korn di Life is Peachy.

Un esordio davvero interessante per il progetto Animatronic questo REC, che esplora quasi tutti gli spazi compresi tra il post-rock pi√Ļ puro ed il progressive metal, nonch√© un album che ci sentiamo di consigliare a tutti coloro che stiano imparando a suonare la chitarra elettrica, per farsi un idea di quante cose si possano inventare su quelle semplici 6 corde elettrificate.

Una sorpresa davvero piacevole, dunque.

Per gli amanti del genere math-rock e progressive, invece, un disco da ascoltare obbligatoriamente.

Tracklist:

  1. Teddy Red & Jenny Ride
  2. Fl1pper#
  3. La7
  4. 6sbarre S.A.S.
  5. Formula
  6. Crossing
  7. Tin-Tin
  8. In Cubo
  9. GhostreK
  10. Zabran
  11. Seitan
  12. Fuori di Nastro
  13. Frank!?
  14. DCP
  15. Tronofobia


Commenti

Paolo Guidone

Click here to connect!