WHISPERING SONS: Several Others

I Whispering¬† Sons, con la nuova label Pias, giungono al loro secondo disco "Several Others" con la consapevolezza di essere passati da band emergente a band di spessore internazionale in pochi anni, senza per√≤ perdere la propria identit√† stilistica. Il loro sound √® un un concentrato di post punk nero, cupissimo, ma sincero e diretto. Le loro armi sono due: la voce straniante della¬†frontwoman Fenne Kuppens, e ed il chitarrista Kobe Lijnen, il vero artista del gruppo. Nel brano Heat l‚Äôinizio cadenzato √® solo il prologo per le chitarre aggressive e post-punkeggianti; (I Leave You) Wounded ha un arrangiamento…

Score

Artwork
Potenzialità
Concept

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

I Whispering¬† Sons, con la nuova label Pias, giungono al loro secondo disco “Several Others” con la consapevolezza di essere passati da band emergente a band di spessore internazionale in pochi anni, senza per√≤ perdere la propria identit√† stilistica.

Il loro sound è un un concentrato di post punk nero, cupissimo, ma sincero e diretto. Le loro armi sono due: la voce straniante della frontwoman Fenne Kuppens, e ed il chitarrista Kobe Lijnen, il vero artista del gruppo.

Nel brano Heat l’inizio cadenzato è solo il prologo per le chitarre aggressive e post-punkeggianti; (I Leave You) Wounded ha un arrangiamento che si allontana in parte dal loro registro, sprazzi di elettronica accompagnano il cantato baritonale di Fenne. In Vision i suoni sono lugubri e decadenti, e ritornano le spigolosità cui ci avevano abituato nel loro debut album.

Screens √® il pezzo pi√Ļ originale per composizione, con il suo loop elettronico spezzato da note di pianoforte, e qui l‚Äôintensit√† della cantante assume maggior intensit√† emotiva.

Una menzione di merito va attribuita a Surface, canzone stupenda ed ammaliante, nella quale confluiscono elementi industrial-no wave e sonorità post-punk, senza tralasciare le chitarre taglienti del solito Lijnen.


La seconda prova artistica dei W.S. sembra pi√Ļ matura dell‚Äôesordio, anzi pare che il quartetto stia cercando una ‚Äúvia‚ÄĚ per allontanarsi dal derivatismo che accompagna molti gruppi della corrente divisioniana.

Ma la loro principale bravura consiste nel saper alternare atmosfere gravi e cupe ad altre di sorprendente dolcezza.

Tracklist:

  1. Stalemate
  2. Got A Light
  3. Alone
  4. Skin
  5. No Time
  6. Fragments
  7. Hollow
  8. Waste
  9. Dense
  10. No Image

https://www.youtube.com/watch?v=caJU1VkKU6Y


Commenti

Gianni Vittorio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!