KNIFEPLAY – Animal Drowning

Il secondo disco dei¬†Knifeplay, Animal Drowning, prodotto da Topshelf Records, √® la conferma che la band di Philadelphia ha talento da vendere. Con questo nuovo lavoro vediamo che il gruppo ha saputo unire col giusto equilibrio rumorismo, shoegaze e sonorit√† dream pop, realizzando un prodotto adatto anche a chi non √® avvezzo alla musica di genere. Nel complesso si nota una maggiore attenzione per le atmosfere algide e sognanti. Animal √® un post rock alla maniera dei maestri scozzesi (Mogwai); Nobody, dopo una intro acustica e scheletrica si apre con delle chitarre effettate, riverberi potenti, con tratti accompagnati da…

Score

Artwork
Concept
Potenzialità

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Il secondo disco dei Knifeplay, Animal Drowning, prodotto da Topshelf Records, è la conferma che la band di Philadelphia ha talento da vendere. Con questo nuovo lavoro vediamo che il gruppo ha saputo unire col giusto equilibrio rumorismo, shoegaze e sonorità dream pop, realizzando un prodotto adatto anche a chi non è avvezzo alla musica di genere.

Nel complesso si nota una maggiore attenzione per le atmosfere algide e sognanti. Animal √® un post rock alla maniera dei maestri scozzesi (Mogwai); Nobody, dopo una intro acustica e scheletrica si apre con delle chitarre effettate, riverberi potenti, con tratti accompagnati da arrangiamenti orchestrali. L‚Äôindie rock si sente in Lonely sun, canzone ricca di sfumature e intrecci melodici, evidenziando un suono pieno capace di emozionare dalle prime note. Con la sua bella voce la vocalist (Tj Strohmer) riesce a farci trasportare in un altrove immaginario, luoghi dell’anima inesplorati.

Tra i brani pi√Ļ articolati da menzionare Promise, prima parte sognante e dolce, per poi deflagrare in una cascata sonica avvolgente, dando vita ad una esplosione shoegaze devastante.
Ancora arpeggi e distorsioni si fanno apprezzare nella stupenda Blood. La seconda parte √® certamente pi√Ļ tranquilla e riflessiva, infatti non mancano le atmosfere bucoliche e folk come Deserve, una ballad che ricorda i primi Cranberries. Alla fine ci si commuove con gli arpeggi malinconici di Hearts, brano per cuori solitari.

In conclusione il voto è alto per un gruppo che sembra ormai pronto per il grande salto.

Track List:

  1. Nobody
  2. Lonely Sun
  3. Promise
  4. Bleed
  5. Animal
  6. Deserve
  7. Hearts
  8. Ryan Song
  9. Untitled
  10. Cold Rain


Commenti

Gianni Vittorio

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!