PHILIP SAYCE @DAL MISSISSIPI AL PO

PHILIP SAYCE @DAL MISSISSIPI AL PO

Philip Sayce è chitarrista cantante canadese, che in America sta facendo scintille tanto da essersi guadagnato anni fa una convocazione da Eric Clapton al Crossroad Festival.

Le notizie sulla scomparsa del rock and roll sono state molto esagerate, e Philip Sayce si propone di mantenerle tali. Nel suo nuovo album Spirit Rising, Sayce fa sventolare la sua bizzarra bandiera, riaffermando il suo status di uno dei migliori chitarristi elettrici del mondo, ma anche dimostrando di avere molto da dire.

√ą da un po’ che queste idee si stanno formando, perch√© Spirit Rising segna il primo lavoro in studio di Sayce dopo Influence del 2015, un album che lo ha visto insieme al famoso produttore Dave Cobb, noto per la capacit√† di rinnovare brillantemente una vasta gamma di pepite di rock oscuro. Se Influence ha portato Sayce all’attenzione di molti nuovi ascoltatori, Spirit Rising mostra l’ampiezza del suo talento e la sua evoluzione.

“Date alcune cose che stavano accadendo nella mia vita, che hanno finito per ispirare molte delle mie canzoni, avevo bisogno di prendere in mano le redini di questo disco. Sapevo fin dall’inizio come volevo che suonasse e, se mai mi fossi trovato in difficolt√†, c’erano molte persone a cui potevo chiedere consiglio”.

L‚Äôaspetto dell’identit√† musicale di Sayce √®, dopo tutto, il modo in cui ha costruito la sua reputazione a partire dalla sua citt√† d’adozione, Toronto, dove il leggendario Jeff Healey lo prese sotto la sua ala protettrice alla fine degli anni Novanta. Dopo aver girato il mondo come membro della band di Healey, Sayce si √® trasferito a Los Angeles dove ha ottenuto un contratto di quattro anni con Melissa Etheridge, prima di lanciare ufficialmente una carriera solista indipendente nel 2009 con l’album Peace Machine.

Gli album successivi di Sayce hanno creato una base di fan entusiasti in Europa, dove √® stato in tour con artisti del calibro di ZZ Top e Deep Purple. Nel 2015 tutto questo ha attirato l’attenzione della Warner Music Canada, che ha portato alla pubblicazione di Influence.

In un certo senso, quindi, Spirit Rising √® all’altezza del suo titolo in termini di abbracciare nuovi inizi e, sapendo questo, era importante per Sayce iniziare il processo tornando alle sue radici nella loro forma pi√Ļ grezza. “L’approccio iniziale in studio non √® stato diverso da come ho realizzato Peace Machine”, spiega Sayce. “Per almeno la met√† delle canzoni di Spirit Rising ho montato i miei amplificatori nella sala con il batterista Michael Leasure. Abbiamo affrontato la riproduzione le canzoni proprio come facciamo dal vivo, e da l√¨ abbiamo modellato ci√≤ che funzionava”.

Ci√≤ che √® stato diverso questa volta √® stato il supporto e il feedback che Sayce ha ricevuto durante tutto il processo, oltre all’opportunit√† di collaborare con altri cantautori come Richard Marx, il gruppo di scrittori di Los Angeles di collaborare con altri cantautori come Richard Marx, il gruppo di scrittura/band di Los Angeles Dis Cousins e Gavin Brown e Maia Davies di Toronto.

I loro contributi si integrano perfettamente con quelli di Michael Nielsen, cover di due degli eroi del blues di Sayce, Lightnin’ Hopkins e Magic Sam, oltre a una canzone del suo mentore Jeff Healey. In effetti, la variet√† complessiva del materiale Spirit Rising riflette la determinazione di Sayce a non farsi incasellare, con brani come la soulful “Give Me Time” e ‚ÄúOnce”che bilanciano brani come “She’s The Music” e “Wild”.

“Per me, il rock, il blues, il jazz e l‚Äôhip -hop provengono tutti dallo stesso albero genealogico”, dice Sayce. “Perci√≤ descrivo spesso il mio sound come come musica delle radici, perch√© contiene influenze di tutti questi elementi. Allo stesso tempo, per√≤, voglio portare il mio sound in direzioni nuove che riflettano chi sono, dove sono e dove sono diretto. Questa √® stata la parte pi√Ļ emozionante della realizzazione di Spirit Rising. Sperimentare con cos√¨ tante persone provenienti da diversi contesti creativi √® stato un vero brivido e un privilegio”.

Alla base di tutto c’√® la chitarra di Sayce, e, a differenza di alcuni pessimisti che lamentano la diminuzione del ruolo della chitarra solista nel rock tradizionale, Sayce √® convinto che nel rock mainstream, crede che il ritorno alla gloria di un tempo sia imminente, in gran parte grazie a YouTube e ad altri media digitali.

“C’√® un mare di giovani musicisti che si stanno affacciando in questo momento e che che hanno un accesso illimitato per apprendere tecniche che per le persone della mia generazione comportavano anni di ricerca, tentativi ed errori per capirle”, dice Sayce. “Credo che tutto dipenda da dove si guarda. Siamo solo alla punta dell’iceberg, con gente come Rival Sons, Gary Clark Jr. e Greta Van Fleet che stanno ricevendo l’attenzione del mainstream, e quando si va ai loro concerti, sono sempre pieni. Sento che √® un momento ideale per fare musica rock e roots, e la mia speranza √® che questo nuovo album si rivolga a questi fan, sia vecchi che nuovi”.

Si dice spesso che ci vogliano molti anni per diventare un fenomeno immediato e, per molti versi, questa è la traiettoria che Philip Sayce ha seguito.

Ascoltando Spirit Rising, l’esperienza accumulata finora √® innegabile.

Tuttavia, c‚Äô√® un’inconfondibile spinta ad aprire nuovi orizzonti. Con artisti come Philip Sayce, il futuro del rock and roll √® in mani sicure.

Giovedì 22 Giugno
PHILIP SAYCE – XIX Festival Dal Mississipi Al Po
Piazza Molinari – Fiorenzuola D’Arda (PC)
Inizio concerto h. 21:30

Biglietti disponibili online su Ticketone QUI


Commenti

Giovanni Cionci

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!