DIRTY HONEY: travolgente Live a Milano

DIRTY HONEY: travolgente Live a Milano
(testo e foto di Giovanni “GianRock” Cionci)

Unica data italiana, lo scorso 8 Marzo all’Alcatraz di Milano, per il tour dei Dirty Honey, la giovane ed effervescente band hard rock di Los Angeles che abbiamo gi√† avuto modo di apprezzare la scorsa estate (QUI il report del loro show al Pistoia Blues Festival), fresca della pubblicazione del nuovo album Can‚Äôt Find The Brakes!! a fine 2023.

Molto buona l’affluenza di pubblico, abbastanza variegata per et√†.. ma tutti gli spettatori sono accomunati dalla passione per il buon vecchio Rock’n’Roll, che tanti continuano a dare per morto da mezzo secolo, ma che si ostina a riempire di fan palazzetti, stadi e arene di ogni tipo.

Ed √® proprio il Rock’n’Roll il vero protagonista della serata, che si palesa sul palco impersonato da John Notto alla chitarra, Marc LaBelle alla voce, Justin Smolian al basso e Jaydon Bean alla batteria. Travolgenti, pieni di grinta ed energia, un sound pazzesco e una gestualit√† da consumate rockstar: i Dirty Honey conquistano subito il pubblico col loro carisma e con la loro musica, che attinge a piene mani dall’hard rock anni ’70 e ’80, con qualche venatura southern e rock blues: ci sono dentro i Guns’N Roses, i primi Aerosmith, gli AC/DC, gli ZZ Top, i Lynyrd Skynyrd, il tutto rielaborato con perizia e reso fresco e frizzante. I riffoni della Les Paul di Notto che vengon fuori da una Marshall Plexi sono La Mecca del sound di ogni chitarrista rock degli ultimi 50 anni, la graffiante voce di LaBelle non ha nulla da invidiare a nomi leggendari, le linee di basso di Smolian si interfacciano squisitamente con la batteria di Bean. Tutto √® dove deve essere, assolutamente perfetto: non manca neanche l’intermezzo acustico. Magnifica l’interazione dei musicisti col pubblico, che risponde colpo su colpo, e dimostra dall’inizio alla fine la propria passione e fervore. E come dargli torto? Questi sono i live che vorremmo sempre vedere: adrenalina pura!

Trenta o quaranta anni fa questi ragazzi avrebbero riempito gli stadi ad ogni passaggio..ma se riusciranno a riportare al rock i loro coetanei, potrebbero riuscire nell’impresa anche ai giorni nostri. E, fidatevi, hanno tutti i numeri per farlo. Eccelsi!

Questa la setlist dello show:

  • Can’t Find the Brakes
  • California Dreamin
  • Heartbraker
  • Get a Little High
  • Scars
  • Dirty Mind
  • Tied Up
  • Coming Home
  • Honkey Tonk
  • Don’t Put Out the Fire
  • Ride On/Satisfied
  • No Warning
  • Let’s Go Crazy/Last Child
  • The Wire
  • Another Last Time
  • When I’m Gone
  • Won’t Take Me Alive
  • Alright
  • Rolling 7s

Ad aprire la serata, gli italiani The Pillheads.

Vi lasciamo alla gallery del nostro Giovanni “GianRock” Cionci.


Commenti

Giovanni Cionci

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Click here to connect!