Dischi

North – Differences EP – Autoprodotto, 2013 (di Stefano Capolongo)

Una grande onda (che ritorna) dal sapore salino e californiano sta bagnando in questi ultimi tempi la costa adriatica e in particolare la zona emiliano-marchigiana. Oggi piantiamo l’ombrellone (troppo presto?) a Osimo, provincia di Ancona dove sono di casa i ...

Leggi Articolo »

Delta Machine – Depeche Mode – Columbia Records 2013 (di Mirko Porcari)

“Welcome to my world, step right trough the door” il calore di un invito fatto dalla viva voce di Dave Gahan, così si apre Delta Machine, tredicesimo album in studio dei Depeche Mode: c’è tutto per tutti, un mix di ...

Leggi Articolo »

Angus Mc Og – Arnaut – Autoprodotto/Audioglobe, 2013 (di Stefano Capolongo)

Attivi già da un paio d’anni, i modenesi Angus Mc Og dopo le buone prove regalate con Anorak (2011) e Town on a river-Wasted (2012) hanno da pochissimo sfornato un gioiellino dal nome insolito: “Arnaut”. Il senso della misura  è ...

Leggi Articolo »

David Bowie – The next day – ISO Records, 2013 (di Stefano Capolongo)

Il mio amore anagraficamente anacronistico e un po’retro (dai più fantasiosi detrattori definito “antico“) per i maggiori gruppi che hanno segnato indelebilmente i decenni 7,8 e 9 del ‘900 mi ha sempre portato a godere di capolavori già pubblicati, cantati ...

Leggi Articolo »

La notte dei lunghi coltelli – Morte a credito (Black Candy, 2013) di Stefano Capolongo

Nell’analizzare questo disco partirò da un concetto molto semplice e lineare: la musica urlata non è mai stata di mio gradimento. Ma intendiamoci. Non posso sopportare un intero album che presenta questa particolarità, tuttavia se tale clamore viene veicolato e ...

Leggi Articolo »

Iacampo – Valetudo (Urtovox/The Prisoner 2012) di Flavio Centofante

Voce e chitarra. L’essenziale è necessario per disegnare bozzetti di vita quotidiana o per raccontare le piccole scintille della mente. E allora Marco Iacampo fa così, essenziale. Eppur corposo, perché seppur immerso in un’aura silenziosa, calibra bene l’impatto di musica ...

Leggi Articolo »

A Mysterious Design – Style Sindrome – Synthetic Shadows Records 1981/2012 (di Stefano D’Offizi)

Roma, primi anni 80, il Rock di un certo spessore viaggia ancora sottotraccia, abitando i bassifondi di una subcultura in procinto di esplodere in Italia ma che (come sempre) ha già raccolto “vittime” in tutta l’Europa. Con orgoglio e convinzione, ...

Leggi Articolo »

Solifuge – Through the loathin of a sick mind (Revalve Records, 2012) di Flavio Centofante

“Wake Up Your Soul From Nightmares”, canta Mad Curtis dei Solifuge alla fine di questo disco. Una frase che riepiloga un pò l’approccio del gruppo alla musica: creare un sound grintoso ed energico, che possa essere un buon incantesimo per ...

Leggi Articolo »

Controllo elettronico della velocità – A tutta birra (Mal de testa records, 2012) di Mario Cordaro

Cosa ci si aspetta da un disco del genere? Non me ne voglia la band in questione ma credo che gli ascoltatori di un cd, e di un genere musicale, come questo non pretendano nessuno sforzo intellettuale, nè per quanto ...

Leggi Articolo »

ED – One hand clapping (Audioglobe, 2012) di Stefano Capolongo

Attivo già da qualche anno nell’ambiente indipendente il progetto ED, formazione Modenese, ha da qualche mese dato alle stampe il suo primo album ufficiale. Una gavetta che inizia nel 2006, fatta prima di demo, poi di EP (che peraltro hanno ...

Leggi Articolo »